aprile

23 aprile | Beata Elena di Udine

Helen Valentini nacque a Udine, nel nord Italia, intorno all'anno 1396. Sposò Antonio Cavalcanti intorno al 1414 e gli diede sei figli. Quando Antonio morì nel 1441 per malattia contratta durante una missione diplomatica a Venezia, Elena divenne Terziaria Agostiniana. Fu fortemente influenzata dall'agostiniano Angelo di San Severino a dedicare la sua vita in seguito alla cura dei bisognosi, alle opere di misericordia e ad una vita di penitenza. Il suo impegno nella preghiera è stato nutrito da un grande amore per il Vangelo, devozione alla Passione di nostro Signore e amore per l'Eucaristia. Soprattutto, desiderava vivere a imitazione di Gesù Cristo attraverso una vita di sacrificio e servizio al prossimo. Elena aveva un grande amore per l'Ordine ed era una frequentatrice costante della Chiesa Agostiniana di Santa Lucia, nonché uno dei suoi più generosi benefattori. Negli ultimi tre anni della sua vita è stata costretta a letto a causa di un'infermità che ha accettato con grande pazienza e rassegnazione. Morì il 23 aprile 1458 e fu sepolta nella chiesa di Santa Lucia. Dal 1845 le sue spoglie sono conservate nel Duomo di Udine. Il beato Pio IX confermò il suo culto nel 1848.

 

La beata Elena è una delle tante laiche la cui memoria è celebrata dall'Ordine. È, quindi, un promemoria che la spiritualità agostiniana non è solo possesso esclusivo dei religiosi. Il nostro Ordine ha una lunga e ricca tradizione di laici, uomini e donne, che percorrono lo stesso sentiero dei valori ispirati agostiniani professati da frati, suore e suore. Siamo tutti chiamati alla santità e la vocazione agostiniana è un modo comprovato per raggiungerla indipendentemente dal proprio stato di vita.

24 aprile | La conversione di sant'Agostino

Durante la Veglia Pasquale, la notte tra il 24 e il 25 aprile 387, Agostino fu battezzato dal vescovo Ambrogio nel Duomo di Milano insieme a suo figlio Adeodato e un piccolo gruppo di amici, tra cui il 'fratello del (suo) cuore ', Alypius. Fu così portato a buon fine il lungo e faticoso cammino di conversione di Agostino alla fede cattolica. Agostino stesso registra nel libro 8 delle Confessioni il momento culminante in cui si arrese alla grazia di Dio e fu sollevato dai dubbi e dalle paure che lo avevano tenuto così a lungo imprigionato. Quante cose si sono riunite ora in un momento per portargli la libertà: la storia di un contadino in visita, il canto di un bambino, la Lettera di San Paolo e, soprattutto, la discesa nella miseria che era pronta a cedere il passo al potere della grazia. "Come mi è diventato improvvisamente dolce essere libero dai dolci della follia: le cose che una volta temevo di perdere ora era gioia metterle via. Tu le scacci via da me, tu la vera e più alta dolcezza, le lanci avanti, e al loro posto sei entrato, più dolce di ogni piacere ... (Conf. 9, 1).

 

Certamente la storia della conversione di Agostino è tra le più note e significative di tutta la storia cristiana: ben nota, per la registrazione stessa di Agostino nelle sue Confessioni; significativo, non solo per l'impatto che la sua vita di fede - come monaco, vescovo e teologo - ha avuto da allora sulla Chiesa cattolica, ma anche sui tanti uomini e donne di ogni epoca le cui vite personali sono state alterate dalla lettura esso.

26 aprile | Nostra Madre del Buon Consiglio

La devozione agostiniana a Maria sotto il titolo di Nostra Madre del Buon Consiglio ha la sua origine nella chiesa della città collinare di Genazzano, in Italia, dove si trovano gli Agostiniani dal 13 ° secolo. In origine il loro monastero era situato fuori città, ma un secolo dopo furono invitati a prendere in carico la chiesa parrocchiale di Nostra Madre del Buon Consiglio nel centro del paese. Quando i frati decisero di rinnovare e ampliare la chiesa si verificò un evento che venne considerato miracoloso e che attirò l'attenzione di grandi folle di persone. Il 25 aprile 1467, mentre veniva riparata una parete laterale e veniva rimossa una figura in marmo della Madonna, apparve, dove la figura era appesa, un'immagine di Maria e di Gesù Bambino. Da quel momento il titolo della chiesa fu applicato anche all'immagine. Secondo un'antica tradizione, proprio questa icona, venerata in Albania con il nome di Nostra Signora di Scutari o Nostra Signora degli Albanesi, sarebbe improvvisamente scomparsa da una chiesa mentre l'Albania era invasa dagli infedeli. La leggenda narra che fluttuasse dalla chiesa e fu seguito da due albanesi fino a quando raggiunsero Genazzano e riconobbero l'immagine come propria. La notizia della "comparsa" dell'immagine, unita alla vicenda degli albanesi, ha fatto sì che la chiesa, da quel momento, fosse meta di numerosi pellegrini, tra cui diversi papi, santi e beati. Papa Giovanni XXIII era un pellegrino al santuario alla vigilia del Concilio Vaticano II, e papa Giovanni Paolo II lo visitò prima di recarsi in Albania per ristabilire la gerarchia lì dopo il crollo del comunismo. Leone XIII aveva dichiarato la chiesa Basilica Minore nel 1903 e nell'aprile di quell'anno introdusse nelle Litanie di Loreto l'invocazione "Madre del Buon Consiglio". Il beato Stefano Bellesini fu parroco di questa chiesa per nove anni fino alla sua morte nel 1840. Le sue venerate spoglie sono conservate in una cappella laterale della basilica.

 

Notiamo il "buon consiglio" di Maria in diverse scene del Vangelo, specialmente quella di Cana, quando la madre di Gesù dice: "Fa 'quello che ti dice" (Gv. 2, 5). Sant'Agostino ci ricorda che mentre Maria è benedetta per essere la madre di Gesù, è ancora più benedetta per essere sua discepola. In effetti, come prima discepola di suo figlio, ce lo presenta come nostro maestro, nostro modo, nostra verità e nostra vita - proprio come lui era per lei.

Rimani aggiornato!
  • Twitter
  • Grey Facebook Icon
  • YouTube

© 2020 - L'Ordine di Sant'Agostino.